La Vacanza del Sorriso-La Vacanza del Sorriso XIV Edizione

La Vacanza del sorriso è ...

   
 

Finalità della Vacanza del Sorriso

  In Italia esiste un numero cospicuo di famiglie che hanno bambini affetti  da malattie  onco-ematologiche  e  spesso la diagnosi di un tumore  in  un  figlio  significa,  per  tutta  la  famiglia,  l'inizio di un percorso difficile e stressante. 

  Comincia l'’esodo verso centri specializzati, cominciano le onerose spese di trasferimento e soggiorno, si aggiungono i problemi legati all'allontanamento dei piccoli pazienti dalla scuola e, ancora peggio, la separazione da fratellini e sorelline.
  A queste già difficili problematiche, in molti casi, si sommano, ad uno dei genitori o entrambi, gravi problemi come la perdita del lavoro e seri problemi economici, tali da non poter permettere momenti di relax, tanto meno di una vacanza, necessaria per il bambino, ma importante per tutta la famiglia.

  Il bambino onco-ematologico è sottoposto a lunghe terapie, spesso molto invasive, con effetti correlati negativi, che lo costringono a trascorrere molto tempo in ospedale, lontano dai fratellini e dagli amici, riducendo inevitabilmente le dinamiche di socializzazione.

  Il suo stile di vita viene condizionato dalle limitazioni imposte dalle cure ed è costretto a convivere con il fantasma della propria malattia, con i divieti, i propri dubbi e paure, spesso l'’unico contatto rimane uno dei due genitori che lo assiste e in alcuni casi drammatici le limitazioni prevedono addirittura l'isolamento.
  L'obiettivo degli organizzatori è quello di far vivere, a questi bambini e alle loro famiglie, una vacanza da sogno nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, comprensiva di viaggio, vitto e alloggio, all’'insegna del relax e della spensieratezza, coinvolgendo tutta la famiglia affinchè i genitori e i fratellini sani di questi bambini, che hanno dovuto affrontare la delicata situazione di famiglia, potranno avere la possibilità di ricongiungersi e trascorrere una, sia pur breve, vacanza assieme, rilassandosi e divertendosi.

  Ma l'iniziativa vuole essere molto più di una vacanza da sogno; la vacanza del sorriso vuol essere un'esperienza emozionale mirata a contribuire, per quanto di nostra competenza, a preservare il benessere psicologico e sociale dei bambini e anche dei genitori, dando l'opportunità a tutta la famiglia di vivere, oltre ad un periodo di riposo, anche momenti coinvolgenti attraverso la partecipazione attiva ai vari programmi ispirati alla terapia della ricreatività.
  Basate sul gioco e il divertimento,  le attività sono sviluppate in una location straordinaria come il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, con attività escursionistiche, ludiche, teatrali, musicali, laboratori ricreativi prevalentemente praticati all'aperto e a diretto contatto con la bellezza della natura e il calore delle persone.

Questi programmi hanno lo scopo di consentire alla famiglia e al bambino di sviluppare una nuova rete di relazioni sociali, di creare occasioni di partecipazione attiva, con giochi e tematiche nei quali i bambini potranno misurare il livello della propria capacità di fare, sviluppare lo spirito di gruppo e la socializzazione, recuperare la fiducia in se stessi, elementi che permetteranno di metterre in gioco tutte le potenzialità per superare gli ostacoli imposti dalla malattia.

Bambini e famiglie potranno socializzare e condividere l'esperienza della vacanza, gioie ed emozioni, preoccupazioni e speranze, con altre famiglie che hanno le loro stesse problematiche, partecipanti alla stessa sessione. Con determinazione abbiamo voluto coinvolgere anche i bambini cilentani nei programmi ricreativi, al fine di permettere la condivisione del gioco, il confronto, lo scambio, l'integrazione e una sana e giocosa competizione, ma anche per creare occasioni di nuove amicizie ed esercitare "manovre" di solidarietà.

Grazie alla generosità, benemerenza e al CUORE della Comunità del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, e alla collaborazione di decine di strutture socio-sanitarie pediatriche onco-ematologiche nazionali, siamo riusciti finora ad offrire a centinaia di famiglie pacchetti vacanza gratuiti, ma l’intento è di continuare e estendere ancora di più la manifestazione di solidarietà, al fine di realizzare, entro qualche anno, la Grande CASA del SORRISO, sostenuta da tutta la comunità locale e capace di ospitare tanti bambini e famiglie per quanti ne faccessero richiesta.
 

Relazione descrittiva

La vacanza del sorriso é un'iniziativa di solidarietà che ha l'obiettivo di ospitare, nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, bambini e ragazzi, con età  compresa  tra  i   pochi  mesi  ai  quattordici  anni,  affetti  da patologie  onco-ematologiche,  in  periodo  post ospedalizzazione o fuori   terapia,   con   rispettive   famiglie,   per   una   tranquilla e "rigenerativa" vacanza settimanale gratuita, all'insegna del relax e del divertimento.  La vacanza è strutturata  per  ospitare  le  famiglie,  in formula di pensione  completa, presso  villaggi turistici,  alberghi, aziende agrituristiche,  bed & breakfast, case vacanze e appartamenti, sul mare  o  in  collina,  e  prevede  un  ricco  programma di attività escursionistiche e ricreative, sviluppati prevalentemente all'aperto e a  diretto  contatto  con le bellezze  naturalistiche del Parco Nazionale ed il calore dei cilentani, valdianesi e alburnesi. I programmi  di  animazione,  ispirati  alla  terapia  ricreativa e sviluppati in una location straordinaria come il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, prevedono escursioni in barca tra i borghi marinari cilentani e le bellezze naturalistiche delle due aree marine protette, visite guidate nei borghi medievali e nei siti archeologici, pescaturismo, passeggiate a piedi e a dorso d'asino nei boschi e lungo le mulattiere, laboratori ludico-creativi, spettacoli teatrali e musicali, momenti di degustazioni dei prodotti tipici. Tante occasioni, quindi, per vivere una esperienza emozionale con momenti di scoperta, di scelte e riflessioni, sfide ed esaltazioni, attraverso le quali i  bambini avranno l'opportunità  di  riscoprire la gioia  e  la  spensieratezza,  ma  anche  la  fiducia  in se stessi, la socialità, lo spirito di gruppo e l’'amicizia,  elementi  importanti  che contribuiranno a mettere in gioco tutte le potenzialità per superare gli ostacoli imposti dalla malattia.  L'iniziativa è in continua evoluzione, pertanto, il livello di organizzazione fino ad oggi raggiunto, grazie al cuore della comunità locale ed ai sempre più numerosi sostenitori, prevede una programmazione annuale con varie sessioni e modalità come di seguito elencate. 


Metodologia

  Per la realizzazione della manifestazione, su proposta del Presidente dell'associazione Giuseppe Damiani, abbiamo elaborato una innovativa modalità organizzativa, discussa e deliberata all'unanimità dall'assemblea dell'associazione Cilento Verde Blu, che fa riferimento a 5 parametri fondamentali, in linea con le finalità istituzionali dell'associazione e secondo i valori civili e morali condivisi da tutti i soci.
  Il primo è di garantire ai bambini, ai ragazzi ed ai rispettivi genitori, ospiti delle varie sessioni di vacanze nel Cilento, il massimo livello di accoglienza e assistenza, in termini di qualità e professionalità, nella piena discrezionalità.
  Il secondo è di estendere questa esperienza umana, solidale e civile, a tutta la Comunità del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, rendendola partecipe e coinvolgendola, al fine di condividerne gli scopi, le modalità, la realizzazione e le emozioni. 
  Il terzo è di realizzare la manifestazione con modalità concrete e trasparenti, che prevedono la raccolta "diretta e materiale" di beni e servizi, denominati "Generi Graditi", offerti a titolo gratuito dai partner sostenitori. Detti generi dovranno essere omologabili alla conformazione di pacchetti vacanza settimanale, in varie sessioni durante l'anno, da proporre in modo gratuito alle strutture socio-sanitarie di pediatria oncoematologica di tutt'Italia e alle rispettive famiglie beneficiarie, al fine di dare l'opportunità a tanti bambini e ragazzi di un salutare e spensierato soggiorno,  durante tutto l'anno e quando ne avranno la necessità.
   Il quarto è di sopperire all'eventuale insorgere di esigenze di carattere tecnico ed economico con risorse dell'associazione.
  Il quinto è di ricorrere al reperimento di fondi e contributi solo quando la raccolta dei generi graditi, finalizzati alla conformazione dei soggiorni vacanza e alla realizzazione delle attività correlate, e le risorse dell'associazione, risultassero insufficienti a garantire il livello, qualitativo e quantitativo, dei servizi proposti e nei casi in cui nuovi sviluppi organizzativi e progettuali ne prevedessero un indispensabile utilizzo.